DAL 10 AL 12 MAGGIO A FOSSATO DI VICO TORNA LA FESTA DEGLI STATUTI

Pubblicato da Medio Evo il

Fossato di Vico – Fossato di Vico è pronta a riassaporare l’atmosfera unica del medioevo con la Festa degli Statuti giunta alla XXIV edizione. La manifestazione, che intende rievocare la pubblicazione degli antichi statuti comunali avvenuta ufficialmente il 13 maggio 1386 e che hanno regolato per circa cinquecento anni la vita all’interno del Castello, durerà per tre giorni e vedrà le quattro porte del paese contendersi l’agognato palio. Sarà la somma dei punteggi ottenuti nei giochi fra le porte, il tiro con l’arco storico e la “ciurumella” una sorta di antenato del moderno baseball, e decretati dal giudizio della commissione di storici che osserverà i cortei di sabato sera e domenica pomeriggio, la rievocazione dei mestieri e l’allestimento delle taverne, a sancire la porta vincitrice.

Si parte venerdì 10 maggio dopo la cena dei figuranti, con l’Arenga, la riunione dei capifamiglia maschi, che con le ritualità di un tempo in piazza san Sebastiano, avrà il compito di eleggere le cariche rappresentative del comune. In seguito si inizierà a fare sul serio con i primi punti in palio con la gara dell’arco storico alle ore 21,30 presso il lastrico solare. L’arciere vincitore avrà poi l’onore di accendere il gigantesco “Focaraccio” che illuminerà la notte del centro storico.

Sabato 11 maggio dalle ore 16 spazio alla rievocazione degli antichi mestieri che animeranno vie e piazze del paese. Mercanti, contadini, artigiani, tavernieri, boscaioli, soldati, fornai e tanti altri personaggi, saranno impegnati nelle attività tipiche del periodo per la gioia dei tanti fotografi e curiosi che raggiungeranno il borgo appenninico. Alle ore 21,30, dopo vari spettacoli eseguiti da diverse compagnie di giocolieri, musici e saltimbanchi, partirà il corteo storico che, muovendo dal piazzale antistante la chiesa di san Benedetto, raggiungerà la centrale piazza di san Sebastiano attraversando le suggestive vie del centro storico. La serata proseguirà poi nelle allegre taverne in cui poter degustare qualche buona pietanza tipica, dell’ottimo vino fra i canti dei portaioli in festa.

Domenica 12 maggio si inizierà con la s. messa in latino e le laudi medievali presso la chiesa di san Pietro, preludio al pranzo medievale del portaiolo lungo via Simone Calandrini trasformata per l’occasione in una grande tavolata all’aperto. Nel pomeriggio alle ore 15,30 la gara della “ciurumella” metterà ancora di fronte le porte nel parco del san Benedetto. Alle ore 18,30 partirà il secondo corteo storico, questa volta accompagnato dalle luci del giorno, mentre la serata si concluderà in piazza san Sebastiano con la “Publicatio statutorum” e l’assegnazione del palio. Sarà festa per i vincitori, ma sarà grande come sempre la gioia per ogni portaiolo, che con grande senso di appartenenza ed amore per le proprie radici, avrà dato il proprio contributo rievocando gli antichi statuti del proprio comune e gli usi ed i costumi dei propri avi.

William Stacchiotti@civetta.tv

Categorie: News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *